Our Blog

0

banner-quadrato-expo

E’ appena iniziato il mese di settembre e presso il Padiglione CASA DON BOSCO in EXPO continua il ricco calendario di eventi programmati allo scopo di diffondere i principi base del metodo educativo salesiano.

Il mese di agosto si è concluso con la mostra fotografica FOOD AS IDENTITY, in scena dal 19 al 31 agosto 2015, a cura dell’Associazione Don Bosco 2000. Protagonisti degli scatti, i ragazzi beneficiari di accoglienza presso il centro dell’Associazione, immortalati nei momenti di preparazione sia dei cibi tipici della loro terra di origine, sia delle pietanze locali, entrate ormai a far parte della loro nuova vita. Il cibo rappresenta così identità e integrazione: l’evento ha appunto avuto l’obiettivo di testimoniare l’importanza del cibo come simbolo di identità originaria ancora presente, di radicamento alla propria terra d’origine attraverso le tradizioni culinarie, ma anche di integrazione con il luogo di accoglienza, dal quale si acquisiscono nuove abitudini alimentari.

Il 30 agosto 2015 si è tenuto in CASA DON BOSCO il doppio evento dal titolo LET’S FEED SPORTS! Nutriamo lo sport e giochiamo per un futuro migliore, in collaborazione con le PGS (Polisportive Giovanili Salesiane). Durante il primo incontro è stato presentato il libro “SLA, il male oscuro del pallone”: Mauro Castellani, autore del volume e giornalista di Avvenire, affronta nel suo libro/dossier il tema irrisolto della correlazione tra calcio e SLA, malattia multifattoriale che porta alla morte in 5-10 anni. I dati mostrano che la percentuale di calciatori affetti da SLA è molto alta in rapporto alla percentuale italiana di malati. Nel dibattito sono intervenuti anche il giornalista sportivo Roberto Beccantini e l’ex CT della nazionale di volley, parlando di doping, di farmaci e dell’importanza di avere figure di riferimento nello sport. Nel secondo evento, a partire dalle ore 15:30, PGSInternational ha annunciato la nuova edizione dei Giochi Internazionali della Gioventù Salesiana, che si terrà a Bratislava e a Vienna dal 4 al 9 maggio 2016. All’annuncio erano presenti il Presidente Europeo di “PSGInternational” Georg Leibold, che ha ricordato che i Giochi Salesiani si confermano come una tradizione in Europa, contraddistinta da sport, convivialità e spiritualità e Don Tibor Reimer, responsabile per l’ispettoria salesiana della Slovacchia, che ha invitato tutti i giovani a partecipare all’edizione 2016. L’obiettivo è di permettere anche ai giovani che vivono in Paesi alle prese con situazioni difficili di prendere parte all’evento.

Il 31 agosto 2015 alle ore 17:00 è stato presentato il volume “L’Onda Opposta”, romanzo scritto a quattro mani dalla giornalista e scrittrice Patrizia Caiffa e dal Vicedirettore della Caritas italiana Paolo Beccegato, edito da Haiku. Una storia di migrazione particolare, dall’Italia verso l’Africa. Il romanzo racconta la storia di una giovane giornalista precaria meridionale e di un camionista lombardo che intraprendono il viaggio dei migranti del Mediterraneo in senso inverso, da Lampedusa alla Tunisia. “Il nostro intento – hanno spiegato gli autori – è diffondere, attraverso la narrazione, un messaggio forte: la natura umana ha le stesse aspirazioni alla libertà e alla dignità”. Patrizia Caiffa, nella sua vita da giornalista, è stata testimone di grandi avvenimenti di importanza sociale e questo ha fatto nascere in lei l’urgenza di dover raccontare la verità di cosa accede in queste realtà. Gli autori hanno fatto dell’empatia un punto di forza, costruendo così un romanzo leggero ed ironico capace di far riflettere il lettore su un tema di grande attualità. Durante l’incontro è intervenuto Gianni Vaggi, docente di Economia dello Sviluppo all’Università di Pavia, che ha posto l’accento sulla necessità di realizzare interventi nei territori di partenza, creando condizioni di vita dignitosa e accettabile. Nico Lotta, presidente del VIS, nel corso del suo intervento ha sottolineato come sia complicato raccontare oggi la verità di chi compie un viaggio di migrazione.

Nella giornata di martedì 1 settembre 2015, dalle h.16:00 alle 19:00, nel padiglione CASA DON BOSCO ha avuto luogo la testimonianza “CITTADINO È’ CHI COSTRUISCE, STRANIERO CHI DISTRUGGE”. IL PANE COME SIMBOLO DI COMUNIONE ED INTEGRAZIONE. Ospite in CASA DON BOSCO Don Mauro Mergola, salesiano, che ha presentato il Centro di Accoglienza Minori Stranieri non Accompagnati e, a seguire, la testimonianza di alcuni ragazzi riguardo alla loro esperienza presso il Centro d’accoglienza.

E’ da poco iniziata la mostra LE FIGLIE DI MARIA AUSILIATRICE PER L’IMPRENDITORIALITA’, aperta tutti i giorni dal 1 al 9 settembre, dalle h. 11:00 alle h. 19:00. Si tratta di una carrellata di “buone pratiche” di microcredito e di microprogetti di sviluppo, che dà voce ad alcune esperienze locali in diversi continenti, in grado di far germogliare migliori condizioni di vita per le persone, le famiglie e le comunità. Le Figlie di Maria Ausiliatrice da sempre credono e fanno leva sulla forza generatrice delle donne, capaci di far nascere l’alternativa economica nel rispetto della propria cultura e delle risorse del Creato. Venerdì 4 settembre 2015, dalle h. 16:00 alle 19:00, si terrà l’inaugurazione ufficiale della Mostra. L’evento sarà animato dalla testimonianza dei giovani migranti impegnati in un percorso di agricoltura sociale presso una delle case FMA a Cammarata (AG).

Per la giornata di sabato 5 settembre 2015, alle h. 17:00, è previsto un momento di incontro, testimonianza e animazione con i ragazzi dei Barabba’s Clowns di Arese, tradizione ormai consolidata per CASA DON BOSCO, in questi mesi di permanenza all’interno di EXPO.

Lunedì 8 settembre 2015, alle ore 14:00, si parlerà di risparmio energetico, ambiente e salvaguardia della biodiversità con Schneider Electric, a fianco della Famiglia Salesiana in occasione di EXPO 2015. Verrà illustrato il metodo di risparmio energetico adottato nel padiglione CASA DON BOSCO durante i sei mesi di EXPO e dai Salesiani in molte case salesiane d’Italia e nei Paesi del mondo.